Chi va avanti non ci vuole lasciare indietro – (Genitori, questo post è per voi)

Un incontro con una estranea, ma non troppo
16 gennaio 2017
Quello che tuo figlio non ti dice
Quello che tuo figlio non ti dice
30 gennaio 2017
Chi va avanti non ci vuole lasciare indietro – (Genitori, questo post è per voi)

I figli che crescono richiedono di crescere anche ai genitori, infatti un cambiamento in una parte di un sistema porta cambiamenti anche nel resto del sistema.
Non sempre questo è riconosciuto e non sempre è facile per i genitori stare al passo.
Spesso sono spaventati dall’idea di perdere il loro bambino, ma anche dall’idea di perdere un pezzetto di sé.

Già! Proprio così, a volte fa paura l’autonomia dei figli, come se questa privasse il genitore di uno spazio che fino a quel momento era indiscutibilmente suo.

Allora, invece che ostinarsi e cercare di frenare questo processo o, viceversa, comportarsi come se questa evoluzione fosse arrivata a compimento e i figli fossero del tutto autonomi e liberi di scegliere da soli, potresti provare ad ascoltare le nuove richieste di tuo figlio e farti aiutare a tradurle in accordi reciproci, che tengano conto degli spazi di entrambi?

Forse scopriresti che ci sono ancora tanti spazi che fin’ora non avevi potuto avere e che essere genitore racchiude tante fasi, tutte con momenti di scoperta e crescita anche per te.

…E che accompagnare non è necessariamente seguire,
prendersi cura non è sostituirsi,

esserci non è istruire

e cambiare non è abbandonare.

Crescere è anche cercare nuovi modi per rinnovare gli amori di sempre.

 

Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa

Aiuto adolescenti, adulti e coppie a costruire percorsi verso i loro obiettivi e il loro benessere. Insieme tracciamo la posizione di partenza, la direzione e il tragitto verso la meta.

9 Comments

  1. Maria Tarda ha detto:

    Verissimo… quando i miei figli cresceranno ho paura proprio di questa fase… ma spero di essere preparata. Grazie del tuo punto di vista

  2. Fea ha detto:

    Parole sante: il cambiamento (e la crescita) fanno sempre paura, ma l’immobilità, forse, dovrebbe farne ancora di più.

  3. AliceOFM ha detto:

    Mai post fu più vero. Da figlia posso dire che i genitori hanno difficoltà nelle “accettazioni”. In genere noto che non va giù che i figli acquisiscano autonomia, che non avverino le proiezioni dei loro sogni, e soprattutto, non sempre digeriscono che un figlio, sebbene sia più piccolo di 20/30/40 anni, possa non seguire i loro consigli e aver comunque ragione.
    Sono cose che mi hanno sempre innervosita ma, sarà che mi sto avvicinando sempre di più ad un’età “adatta” alla procreazione (insomma, mi sento una quindicenne ma a 28 anni potrei tranquillamente avere un figlio), inizio a vedere questi atteggiamenti con forte tenerezza.
    Ed è vero, l’unica soluzione è crescere insieme.

  4. mariacarla ha detto:

    bellissimo il tuo articolo. l’adolescenza è un periodo difficile non solo per i ragazzi ma anche per i genitori che vedono passare i figli da bambini ad adulti. Hai proprio ragione dicendo che bisogna accompagnarli prendendosi cura di loro senza sostituirsi. lasciarli a volte sbagliare per poter crescere e diventare forti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *