Decluttering: sai di cosa hai bisogno?

dipendenza da phon
Dipendenza da phon e altre stranezze
1 novembre 2017
relazioni surrogate
Quasi amore: come riconoscere le relazioni surrogate
15 novembre 2017
decluttering

Decluttering: conosci questa parola?

In italiano non credo esista un termine preciso con cui tradurlo. Forse potrebbe assomigliare a “sbarazzarsi di “, ma ho la sensazione che “sbarazzarsi” evochi qualcosa di sgradevole.
In breve il decluttering è la pratica del rimuovere qualcosa di superfluo, eliminare, liberarsi di elementi non necessari.
Tipo… le pulizie di primavera!

 

Da qualche anno a questa parte, in generale, si sta facendo strada il concetto di decluttering. Il libro di Marie Kondo, Il magico potere del riordino, è stato ed è molto amato ed ha contribuito a diffondere la pratica di decluttering.

Non mi dilungo troppo sul metodo suggerito nel libro e in numerosi articoli sul tema, ma, in estrema sintesi, si tratta di riordinare i propri spazi per realizzare anche una sorta di ordine emotivo.
Eliminare il caos dai propri ambienti favorirebbe anche una maggiore serenità interiore, sia per il risultato finale, sia (e, a mio avviso, soprattutto) durante il processo vero e proprio.

Il decluttering infatti invita a liberarti di tanti oggetti che affollano i tuoi spazi e li intasano.
Il riordino fisico dell’ambiente passa attraverso la valutazione di ogni singolo oggetto che lo compone. La costruzione di un ambiente più ordinato e in grado di promuovere uno stato di maggiore benessere e comfort diventa così una sorta di rito.

In questo rito, quasi propiziatorio, ci si libera di ciò che, invece che aggiungere risorse alla nostra vita quotidiana, semplicemente la riempie.

 

Decluttering significa chiederti di cosa hai bisogno

 

Cominciare a guardare le cose con la prospettiva di poterle eliminare può aiutarti non solo a riordinare casa o l’ufficio, ma a metterti nella posizione di scegliere.
Valuti ogni singolo oggetto che riempie e popola i tuoi spazi e impari a distinguere di cosa hai bisogno. Rifletti su ciò che ti tiene legata ad alcuni oggetti e poi scegli cosa è importante per te, veramente.

Vale solo per gli oggetti?
Naturalmente no. Se ne parlo in questo blog che tratta di psicologia e temi inerenti il benessere è perché immagino che qualcosa di molto simile a questo stile di riordino possa passare anche per le emozioni, i sentimenti, le relazioni e i desideri.

In “6 passi alla meta”, la mia guida pratica che suggerisce alcuni passi fondamentali per raggiungere le proprie mete, un capitolo è dedicato proprio al lasciar andare.
Per andare avanti infatti è necessario lasciar andare alcune cose che ti tengono ferma. Per arrivare dove desideri è utile non portarti dietro un carico troppo ingombrante che renderebbe il percorso più faticoso.

Tu sai già di cosa dovresti liberarti per raggiungere la tua vetta?

 

 

Per ricevere gratuitamente 6 Passi alla meta: Guida pratica che costruire sentieri dove non ci sono iscriviti qui

 





 

 

Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa

Aiuto adolescenti, adulti e coppie a costruire percorsi verso i loro obiettivi e il loro benessere. Insieme tracciamo la posizione di partenza, la direzione e il tragitto verso la meta.

1 Comment

  1. Eliana Hermann ha detto:

    Credo sia proprio utile il decluttering, cercherò di metterlo in pratica. So che devo cominciare da alcune cose che sono nella mia casa: non tanto per eliminarle, ma per trovare loro un nuovo spazio. Grazie, Eliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *