2 Film sulle emozioni, anzi 3

aspettative
Le aspettative non sono il demonio. (Se le tratti bene)
22 novembre 2017
parola dell'anno
2018: la mia parola dell’anno non è una parola
20 dicembre 2017
film sulle emozioni

Mentre scrivo questo post a Padova piove. Era un po’ che non succedeva e tutto sommato ci mancava. Nei giorni di pioggia ovviamente si gode ben poco all’aria aperta e così a volte, si ha modo di guardarsi un po’ dentro.

Forse la pioggia viene associata a stati d’animo cupi, rispetto al sole, perché ci costringe un po’ a stare e meno a fare, soprattutto nel tempo libero.

Naturalmente siamo bravissimi a riempirci di “fare” anche stando al riparo, ma abbiamo un ventaglio di possibilità meno infinito di quello che le giornate tiepide e assolate ci offrono.

Allora oggi, durante questa pioggia ho pensato al rapporto curioso che molte persone hanno con le emozioni.

Chi le vive ad alta intensità e ci si trova catapultato dentro, chi le scaccia, chi le ricerca e chi non sa cosa siano. Chi le detesta e vorrebbe poterle spegnere e chi si chiede se sa provarne ancora.

Così, a proposito di cose da fare in un pomeriggio di pioggia, ci sono 2 film che trattano il tema delle emozioni in modo abbastanza originale e possono dare diversi spunti a chi si interroga su questo tema.

 

Ecco la mia selezione di film sulle emozioni

 

Emotivi Anonimi

Un film francese che tratteggia le ansie sociali con cui i protagonisti devono convivere. Si definiscono “emotivi” e le loro emozioni sembrano un unico malloppo indistinto. Sono impacciati davanti a situazioni che implicano l’essere visti dagli altri.
Autostima traballante, concezione dell’altro come più capace e autorevole, in grado di giudicare. E forse i primi giudici, severi, di sé stessi sono proprio loro, gli emotivi, quando si pongono in posizione di resa davanti a quelli che per tutti noi sono segnali utili a muoverci nel mondo: le emozioni che proviamo.

“Quello che mi fa paura è l’intimità, che qualcuno entri nella mia intimità!”

 

The Giver. Il mondo di Jonas

In un mondo parallelo le emozioni sono state eliminate, per garantire la quiete e l’ordine. Le persone si sentono al sicuro e in effetti lo sono. Tutti convivono pacificamente e ciascuno ha il suo posto nel mondo. Nessuno è solo. Ma nessuno è davvero connesso con il suo mondo interiore, né con le persone con cui condivide le cose più importanti della sua vita.

“I sentimenti sono più sfuggenti, restano in superficie.
Le emozioni primordiali ti restano dentro”

 

Tra i film sulle emozioni non ho citato Inside Out, che comunque ho apprezzato e trovo utile da vedere, oltre che piacevole. Ma non ne parlo perché mi interessa suggerire il tema delle emozioni da punti di vista più insoliti.

 

Infine, sul titolo del post dicevo che i miei film sulle emozioni forse erano 3, quindi ecco la terza proposta.

Non è proprio un film, ma una serie.

 

Atypical

Un ragazzo autistico in piena adolescenza nutre il desiderio di conoscere l’amore, vivere una relazione sentimentale, trovarsi una ragazza. Si trova così a confrontarsi con le emozioni degli altri, a doverle decifrare senza averne un alfabeto, a doverle a volte anticipare, senza averne gli strumenti né l’esperienza necessari. Tutto questo fermento si intreccia con implicazioni nella vita di chi, fino ad allora, lo ha protetto e si è dedicato a questo.

“A volte quando mi sento solo immagino di essere su una distesa di ghiaccio,
congelato, incapace di muovermi, ma al sicuro”

 

 

E tu li hai già visti questi film? Fammi sapere che ne pensi e se conosci altri film sulle emozioni.

 

 

Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Aiuto adolescenti, adulti e coppie a costruire percorsi verso i loro obiettivi e il loro benessere. Insieme tracciamo la posizione di partenza, la direzione e il tragitto verso la meta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.