Riaccendere la passione in coppia

gestire i capricci
Gestire i capricci dei bambini
27 settembre 2017
chiudere una relazione a (quasi) 40 anni
Chiudere una relazione a (quasi) 40 anni
11 ottobre 2017
riaccendere la passione

Prima di scrivere un post su come riaccendere la passione in coppia, sono andata a cercare l’etimologia della parola “passione” e ho confermato il mio sospetto. Passione deriva dal verbo latino pati,  che vuol dire soffrire, patire. In origine questa parola era sinonimo di grande dolore e pena.

Oggi, di quel significato, rimane per lo più il grado di intensità: da grande sofferenza a insieme di sentimenti intensi, forti, perturbanti.

Guardacaso la radice etimologica è la stessa di “passivo”. Quindi non solo sentimenti grandi e intensi, ma irruenti, al punto da renderti inerte, quasi succube.

In effetti spesso le aspettative sulla passione di coppia rispecchiano questa idea di travolgimento e sconvolgimento nelle emozioni e nei sentimenti. Peccato che siano proprio le attese e le aspettative a intralciare quella parte di spontaneità e istinto di cui vai in cerca.

Proprio il ruolo delle aspettative e della spontaneità mi portano ad ampliare il discorso alla relazione intera e non solo le parti che riguardano la sessualità e la sensualità, pur includendo anche questi aspetti.

A me piace pensare al bisogno di riaccendere la passione come un voler ravvivare. (Non a caso suona benissimo il termine “riaccendere” o appunto “ravvivare” che in genere si utilizzano per parlare di fuoco.) Qualcosa si ravviva rimettendo in circolo gli ingredienti che l’hanno innescata inizialmente, con o senza variazioni.

 

Quali sono gli elementi che fanno scattare la passione?

 

Se pensi ai primi tempi con il tuo partner ti rendi conto di quanta curiosità animava il rapporto. Ebbene, la passione, intesa come vitalità, ha molto  a che fare con la scoperta.

Le cose scontate non ti animano e non richiedono grandi coinvolgimenti emotivi.

Attenzione però, la scoperta ha a che fare con il modo in cui ti approcci a qualcosa, non alle caratteristiche stesse di quel qualcosa. Voglio dire che non è colpa del partner se ti sembra non ci sia più nulla da scoprire tra di voi. Il segreto è il tuo modo di rivolgerti al partner e alla coppia stessa.

Se vuoi riaccendere la passione tra voi, comincia a guardare il partner e la coppia come qualcosa da conoscere, ancora.

Comincia a porti nella posizione di chi può scoprire cose nuove, dell’altro, di sé e di ciò che insieme all’altro può succedere.

 

Attenzione ad alcune illusioni

 

Ecco le più potenti fregature in cui tu possa incappare:

  • Credere che una relazione felice è una relazione in cui non ci si scontra.
    I conflitti, i momenti di “scazzo” esistono e basta.
    È impossibile pensare a due persone che siano sempre perfettamente allineate su tutto.

  • Pretendere di provare un interesse costante verso l’altra persona.
    Ci sono periodi o fasi in cui, inevitabilmente, a uno dei due partner interesserà più concentrarsi su di sé. Addirittura potrebbe pensare di poter fare a meno del partner.
    È così: si vive anche senza, pur avendo scelto di vivere con.
    In alcuni momenti le distanze possono aumentare. Il legame non dipende da questo, perché amarsi non è sovrapporsi.

 

Per concludere ti lascio una piccola ricetta per provare a riaccendere la passione

 

  • Guarda il partner con sincera curiosità

  • Dimentica quello che credi di sapere (o quanto meno concediti dei dubbi)

  • Prendi il largo quando hai bisogno di concentrarti su di te (e accetta questa opzione anche da parte del tuo partner)

  • Tieni a mente i tuoi bisogni, concepisci che anche il partner ne abbia di suoi e poi contempla la coppia come un terzo elemento tra voi, con altri bisogni che non sostituiscono quelli individuali.

 

Tutto questo vale – e funziona anche molto bene – quando in una coppia si vive un periodo di stasi, quando si giustificano e comprendono i cali, ma si vorrebbe anche far qualcosa per intervenire. Se invece la sensazione prevalente è quella di impossibilità di capirsi e di capire cosa muove il partner in una certa direzione, è utile affrontare la crisi chiedendo una consulenza ed eventualmente valutare di intraprendere una terapia di coppia.

 

E a te è mai successo? Hai risolto? E magari hai imparato qualcosa che vuoi condividere? Raccontami la tua esperienza o le tue… scoperte.

 

 

Restiamo in contatto? Iscriviti alla Lettera Alternativa

E ricevi in omaggio  6 Passi alla meta: Guida pratica che costruire sentieri dove non ci sono





 

 

Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Aiuto adolescenti, adulti e coppie a costruire percorsi verso i loro obiettivi e il loro benessere. Insieme tracciamo la posizione di partenza, la direzione e il tragitto verso la meta.

1 Comment

  1. Sissi ha detto:

    Quanto è vero che a volte la curiosità viene a mancare e se non si coltiva mano a mano è difficile poi ricostruirla del tutto. Almeno secondo la mia esperienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.