Stimolare la creatività: prima devi sapere come funziona

bulli e vittime
Bulli e vittime hanno qualcosa in comune
4 aprile 2018
accettare il proprio corpo
La supercazzola del bisogno di accettare il proprio corpo
12 giugno 2018
stimolare la creatività

No, questo non è un post che parla di stimolare la creatività per fare bricolage, DIY o altri lavori manuali, nè artistici. Non necessariamente, almeno.

La creatività è una delle risorse più belle e che ho imparato ad amare nel mio lavoro e nella mia formazione. Cerco sempre modi per coltivarla, ma non immaginarmi con pennelli in mano o a fare corsi di decoupage.

Essere creativi vuol dire appunto creare qualcosa, partendo da quel che si ha, mixandolo e collegando pezzi di esperienze, pensieri, ricordi, idee, in modo nuovo per te.

Essere creativi serve a tutti.

Per trovare il tuo modo di stimolare la creatività, devi però sapere come un po’ funziona.

 

Il processo

 

Il processo creativo si innesca tramite l’alternanza di confusione e chiarezza, relax e concentrazione.

 

Immaginalo come un allargamento di campo, mentre fai delle foto: occorre ampliare la visuale, perdere la messa a fuoco e far entrate nel campo percettivo elementi nuovi, che prima erano rimasti fuori.
Poi di nuovo la messa a fuoco.

Per allargare il campo nella nostra mente è necessario un certo rilassamento (sfocatura).

(Ora capisci perché spesso gli artisti, in epoche storiche diverse, facevano uso di sostanze che alterano le percezioni, creando uno stato di forte rilassamento, al limite con la confusione).

Per portare poi a termine la fase creativa e ottenere qualcosa di spendibile, occorre successivamente recuperare concentrazione, cioè mettere ben a fuoco, cercando  una nuova chiarezza.

 

Come ogni processo, la cosa fondamentale è che nessuna delle fasi sia estrema o esagerata, altrimenti il processo si inceppa.

Altra cosa importantissima è verificare e testare sempre le idee che ti vengono in fase creativa. Solo perché sembrano geniali non è detto che lo siano o che siano sempre realizzabili o efficaci per l’obiettivo che ti poni.

 

Il mio contributo

 

Io ho deciso di investire su questo strumento eccezionale e ho pensato a come poter stimolare la creatività. In particolare  per le donne, quelle in rinascita o in continua crescita.

(Se sei iscritta alla Lettera Alternativa hai già capito di cosa parlo!)

Ci chiamiamo Le InventaStrade, donne che hanno voglia di ricominciarsi, coltivando consapevolezze, avventure e meraviglia.

 

Ecco, io volevo un club per queste donne che si reinventano sempre, che sognano e lavorano, che amano e ispirano. Un posto protetto dove scaldarsi i cuori, organizzare i pensieri, condividere la crescita, pianificare i sentieri verso i loro desideri, verso la loro autorealizzazione.

 

 

Così…

Eureka!

 

Ho creato un gruppo esclusivo, tutto al femminile dove trovare ispirazioni, contenuti utili e compagnia per il tuo viaggio più bello: quello alla scoperta di te stessa.

 

Io sono super felice di questo progetto e ho deciso di realizzarlo in occasione del compleanno di questo blog.

Quindi, se ti senti una potenziale InventaStrade o vuoi provare a diventarlo, raggiungici qui,

join us and

…let’s have party!!!

 

 

 

 

 

Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Dr. ssa Veronica Mormina Psicologa
Aiuto adolescenti, adulti e coppie a costruire percorsi verso i loro obiettivi e il loro benessere. Insieme tracciamo la posizione di partenza, la direzione e il tragitto verso la meta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.